Perimetro di riferimento
Le informazioni e i dati presentati nel paragrafo Relazioni industriali riguardano: Acea SpA, Acea Distribuzione, Acea Reti e Servizi Energetici, Acea Ato 2, Acea Ato 5, LaboratoRI, le 4 società della JV con Electrabel, Acea8cento, Marco Polo (ramo Acea), le società del Gruppo A.R.I.A. (ex TAD Energia Ambiente): Terni En.A., EALL, SAO ed Enercombustibili.

In Acea trovano applicazione il Contratto Unico del settore elettrico e il Contratto Unico del settore gasacqua (Contratti Collettivi Nazionali di Lavoro- CCNL) e il Contratto in essere presso la società Acea8cento: il 100% del personale aziendale è pertanto coperto da accordi collettivi di contrattazione.

Nel 2009 la percentuale di sindacalizzazione dei dipendenti arriva al 71,4% (era del 69,6% nel 2008) e sono 381 le risorse che ricoprono l’incarico di personale dirigente o rappresentante di organizzazione sindacale, 7 delle quali con funzioni di Rappresentanti per la Sicurezza.

Nel secondo semestre del 2009 sono state avviate le trattative per il rinnovo del CCNL del Settore elettrico86, scaduto a fine giugno.
Nel corso dell’anno l’attività condotta dall’azienda in materia di Relazioni Industriali87 ha consentito la realizzazione di un’importante intesa relativa ai sistemi contrattuali: è stata infatti definita l’armonizzazione dei trattamenti economico-normativi per il personale, proveniente da enti pubblici, assorbito dalla società Acea Ato 2, e in parte già in servizio, ai quali è stato applicato il Contratto Unico del Settore gasacqua.
Nell’ambito della negoziazione di secondo livello, che integra il Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro, in linea con gli impegni assunti all’atto della sottoscrizione del Contratto aziendale di Acea8cento, si è svolto il negoziato in materia di Premio di Risultato. L’accordo, con efficacia per il quadriennio 2009- 2012, ha previsto anche l’attivazione del servizio sostitutivo mensa tramite il “sistema ticket” e l’iscrizione dei lavoratori con contratto aziendale al Circolo Ricreativo Aziendale del Gruppo Acea a partire dal 2010.
Per ciò che concerne gli aspetti di organizzazione del lavoro, sono stati sottoscritti i seguenti accordi:

  • a seguito dell’applicazione del Contratto Unico di settore elettrico, per tutto il personale delle società dell’area industriale Ambiente ed Energia sono stati ridefiniti alcuni orari di lavoro e schemi di turno e semiturno migliorandone l’aderenza ai processi.
  • per Acea Distribuzione è stata completata la fase di confronto organizzativo per la ridefinizione degli ambiti territoriali delle Zone di intervento e l’assegnazione del personale di pronto intervento; inoltre, per migliorare i livelli di servizio, è stato concluso il confronto sulle modifiche organizzative e di presidio dei processi relativi all’Unità Misura e Ricerca Guasti, con una revisione degli schemi orari di turnazione.
    E’ stata poi definita l’ulteriore fase di confronto relativa all’affidamento dell’attività di installazione e attivazione di contatori elettronici a imprese esterne;

86 La trattativa di rinnovo contrattuale si è chiusa positivamente nel 2010.
87 Nel 2009 svolte anche per le società del Gruppo A.R.I.A.: EALL, SAO, Terni En.A. ed Enercombustibili.

  • per le società Acea8cento e AceaElectrabel Produzione sono state realizzate intese in materia di orari di lavoro e turnazioni.

Si sono tenute nel corso dell’anno numerose procedure sindacali ex 2112 c.c. volte a verificare le tutele in capo ai lavoratori in caso di trasferimento d'azienda: tutte hanno riguardato l’assunzione da parte di Acea Ato 2 del personale proveniente dagli enti acquisiti nel processo di espansione a completamento del piano d’Ambito.
Inoltre sono state concluse procedure di mobilità riguardanti Acea Distribuzione e Acea Ato 2: nel primo caso in continuità con le azioni già attivate gli anni precedenti, nel secondo caso in via innovativa, trattandosi della prima procedura avviata. Le uscite del personale vengono accompagnate da forme di incentivazione economica aggiuntiva e, secondo il principio di gestione non traumatica delle eccedenze societarie adottato dal Gruppo, individuando i lavoratori che, nell’ambito delle aree e profili con eccedenze, risultino in possesso del requisito anagrafico/contributivo della pensionabilità entro il triennio successivo alla data del collocamento in mobilità.

Per quanto concerne il preavviso informativo dei dipendenti circa eventuali modifiche organizzative o ristrutturazioni societarie in grado di avere effetti sui rapporti di lavoro è opportuno precisare che l’azienda assume comportamenti differenti a seconda delle evenienze di seguito illustrate:

  1. modifiche organizzative: in caso di costituzione di nuove Unità o variazioni delle missioni, la Funzione Personale e Servizi di Acea SpA emette una Disposizione Organizzativa, la affigge in bacheca e la diffonde sull’Intranet aziendale. Di norma sulle modifiche introdotte che abbiano effetti sui lavoratori si svolgono i confronti sindacali indicati al punto successivo; laddove ciò abbia riscontro sul singolo dipendente (ad es. variazioni di sede di lavoro, orari, ecc.) a quest’ultimo viene recapitata, una comunicazione ad hoc;
  2. ristrutturazioni societarie: in caso di ristrutturazioni, a seguito di rilevanti modifiche organizzative e produttive, con conseguenze sulle condizioni di lavoro e sull’occupazione, le modalità di informazione dei dipendenti sono regolate dai CCNL applicati nel Gruppo e dai Protocolli di relazioni Industriali;
  3. trasformazioni societarie (come cessioni, fusioni, acquisizioni, trasferimento di rami d’azienda): nei casi di trasformazione societaria i preavvisi ai dipendenti sono regolati dalla normativa vigente88 che prevede obblighi di informativa verso i rappresentati dei lavoratori e le istituzioni territorialmente competenti, tali da consentire loro la verifica delle corrette modalità del processo nonché delle ricadute sui rapporti di lavoro.

Box – Il contenzioso con i dipendenti e con i sindacati

Le tipiche cause promosse dal personale verso Acea riguardano, per lo più, i licenziamenti, il riconoscimento di mansioni superiori, le revisioni di inquadramenti ed altri fenomeni, poco rilevanti per l’esiguità dei casi (ad esempio l’assegnazione di specifiche indennità, il ricalcolo di spettanze e la contestazione di assegnazioni e sedi di lavoro).
Nel 2009 si registra un caso di contestazione del licenziamento, risolto trans attivamente e un numero limitato (meno di dieci casi) di procedimenti avviati per ottenere l’attribuzione di mansioni superiori e infine casi residuali di revisione dell’inquadramento professionale risalenti agli anni passati. Prosegue il dibattimento processuale in essere con i lavoratori della ex-COS (oggi Almaviva Contact) e con i dipendenti della B2WIN, relativamente al fenomeno illecito di presunta interposizione di manodopera.
Per quanto attiene le relazioni industriali, nel corso dell'anno si segnalano due ricorsi per condotta antisindacale contro le società del Gruppo Acea, promossi da due sigle dei lavoratori avverso l'intesa sottoscritta in data 18.12.2008 (oggetto principale di tale accordo era la determinazione del premio di risultato per il quadriennio, l'aumento dei ticket pasto, la liquidazione dell'agevolazione tariffaria prevista per i dipendenti). Entrambi i procedimenti, svoltisi presso il Tribunale di Roma, si sono conclusi con giudizio favorevole per la società.

88 Art. 2112 c.c. e 47 legge 428/90 e successive modifiche intervenute a seguito del Decreto legislativo 276/2003.