Comunicare la sostenibilità: nota metodologica

Le linee guida

Acea pubblica, a cadenza annuale, il Bilancio di Sostenibilità, con l’obiettivo di fornire ai portatori di interesse1 un’informazione il più possibile chiara e completa in merito alle performance economiche, sociali e ambientali del Gruppo.
La presente edizione, riferita all’esercizio 2009, è la dodicesima da quando Acea ha dichiaratamente intrapreso un percorso di responsabilità sociale, scegliendo di testimoniarlo tramite l’attività di rendicontazione (i primi report socio-ambientali si riferivano all’esercizio 1998).
Il report 2009 presenta elementi di continuità e di novità rispetto allo scorso anno: come per l’edizione 2008 si sono seguiti i principi di rendicontazione e gli indicatori di performance proposti nelle Linee guida GRI-G3 dalla Global Reporting Initiative (GRI)2 e, per la prima volta, tali indicatori sono stati integrati con quelli richiesti dal Supplemento di settore per le Utilities del comparto elettrico, pubblicato dal GRI nel 2009.
In linea con il passato, Acea ha voluto correlare le performance economiche con il modello di formazione e ripartizione del Valore Aggiunto tra gli stakeholder, proposto dal Gruppo di Studio per il Bilancio Sociale (GBS)3, e ha predisposto un Bilancio ambientale, che descrive, quantificandoli in modo puntuale e dettagliato, i flussi fisici generati dalle attività svolte dal Gruppo4, tramite l’analisi del ciclo di vita dei prodotti (LCA - Life Cycle Assessment).
Inoltre Acea aderisce dal 2007 all’iniziativa del Global Compact (GC), riconoscendo piena coerenza tra i dieci principi sostenuti dalle Nazioni Unite con il “Patto globale” e gli orientamenti etici espressi dai propri codici valoriali. Nel corso degli anni seguenti l’azienda ha confermato all’organismo internazionale la propria adesione, con l’impegno del vertice, e ha pubblicato con regolarità la Communication on Progress (CoP) prevista. Quest’anno, a superamento della pubblicazione autonoma della CoP e in virtù della stretta collaborazione esistente tra il Global Compact e la GRI, ha voluto inserire direttamente nel report di sostenibilità uno schema di raccordo tra indicatori GRI e principi Global Compact.

Contenuti e struttura del documento

I contenuti del report, il cui obiettivo è rispondere alle attese informative dei diversi portatori di interesse in modo trasparente ed equilibrato, vengono definiti seguendo le indicazioni delle Linee guida GRI-G3 opportunamente ricondotte alla realtà operativa e di contesto dell’azienda.
Per identificare gli aspetti sui quali fosse opportuno dare maggiore informazione, si è tenuto conto delle tipologie di stakeholder, della natura giuridica dell’impresa (la capogruppo, Acea SpA, è quotata in Borsa) e dei rapporti che intercorrono tra la holding e le altre società del Gruppo, della missione aziendale (Acea è una Utility), dei settori di operatività del Gruppo (energetico e idrico)5 e del Paese – l’Italia – in cui si svolgono prevalentemente le attività.
I dati e le informazioni riportate nel Bilancio di Sostenibilità 2009 hanno consentito di rendicontare sugli elementi standard e gli indicatori di performance richiesti dalle Linee guida GRI-G3 (core e additional) e dal Supplemento di Settore, con il massimo livello di applicazione (A+) (vedi grafico n. 1 e tabella n. 1).

1 Così come definiti più avanti, vedi anche paragrafo Stakeholder.
2 La Global Reporting Iniziative, avviata in Inghilterra nel 1997 dalla Coalition for Environmentally Responsible Economies (CERES), è divenuta indipendente nel 2002 quale centro ufficiale a supporto del Programma ambientale delle Nazioni Unite (UNEP) e opera in collaborazione con il progetto Global Compact (emanato dal Segretario Generale delle Nazioni Unite Kofi Annan). Le Linee guida GRI-G3 sono disponibili anche in traduzione italiana nel sito www.globalreporting.org; esse espongono i principi di rendicontazione da seguire per l’elaborazione del report di sostenibilità e gli indicatori di performance economici, sociali e ambientali da pubblicare. Il testo dell’Electric Utilities Sector Supplement, pubblicato dal GRI nel corso del 2009, è disponibile on line.
3 Il Gruppo di Studio per il Bilancio Sociale riunisce esperti e studiosi del settore. Operativo in Italia dal 1998, nel 2001 si è costituito formalmente come Associazione di ricerca non profit. Nel maggio 2001 ha pubblicato i Principi di redazione del Bilancio Sociale che hanno rappresentato un primo orientamento di base nella rendicontazione sociale per molte imprese italiane. Acea, pur avendo in seguito optato per linee guida internazionali (quali le GRI), ha ritenuto opportuno mantenere un riferimento al GBS, in particolare per il modello di formazione e ripartizione del valore aggiunto tra gli stakeholder (vedi paragrafo dedicato in L’identità aziendale) e l’accurata descrizione dei flussi di scambio che intercorrono tra l’impresa e i diversi portatori d’interesse (vedi Le relazioni socio-economiche con gli stakeholder).
4 Per i dati ambientali generati dalle società operative nell’area energia anche nel 2009 si è riproposta la medesima modalità di calcolo introdotta nel 2008 che tiene conto della quota di partecipazione di Acea SpA, in modo analogo ai criteri adottati per il Bilancio economico consolidato.
5 Vedi paragrafo Profilo del Gruppo.

Tabella n. 1 – LIVELLI DI APPLICAZIONE DELLE LINEE GUIDA GRI-G3

Tabella n. 1 – LIVELLI DI APPLICAZIONE DELLE LINEE GUIDA GRI-G3

Grafico n. 1 – LIVELLO DI APPLICAZIONE DELLE LINEE GUIDA GRI-G3 PER IL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ ACEA 2009

Grafico n. 1 – LIVELLO DI APPLICAZIONE DELLE LINEE GUIDA GRI-G3 PER IL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ ACEA 2009

Si sono poi volute fornire ulteriori informazioni sulle attività del Gruppo, sia in forma descrittiva sia quantitativa, per rispondere in modo più completo alle attese informative dei portatori di interesse e dare una puntuale caratterizzazione dell’impresa.

La struttura del Bilancio di Sostenibilità 2009 è coerente con la precedente edizione: il volume che riunisce le parti fondamentali del documento si articola in tre sezioni: L’identità aziendale, Le relazioni socio-economiche con gli stakeholder e Le relazioni con l’ambiente, integrate dal Bilancio ambientale, e si è mantenuta in forma di fascicolo autonomo un’integrazione dedicata alle Schede società Italia-estero (vedi grafico n. 2).

Grafico n. 2 – LA STRUTTURA DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2009

Grafico n. 2 – LA STRUTTURA DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2009

Perimetro del report

Il “perimetro del report”, ovvero l’area cui si riferisce la rendicontazione, è definita seguendo le indicazioni delle Linee guida adottate, senza omettere informazioni o dati significativi e cercando di dare chiara visibilità alla dimensione composita del Gruppo (vedi oltre, paragrafo Profilo del Gruppo).
Il più ampio perimetro considerato
– tipico dei dati economici – è l’insieme costituito da Acea SpA e le altre società che rientrano nell’area di consolidamento, quale definita nel Bilancio Consolidato 20096. Ogni volta che tale confine varia, a seconda dell’effettiva disponibilità dei dati (correlata alla loro progressiva gestione centralizzata), ciò viene esplicitato e opportunamente evidenziato nel testo7.
L’area che rispecchia le più significative performance economiche, sociali e ambientali del Gruppo, rappresentata dalla holding e dalle principali società operative nelle filiere idrica ed energetica (inclusa la termovalorizzazione), è stata oggetto di regolare rendicontazione, a garanzia della comparabilità con le performance di sostenibilità pubblicate nel report precedente. Tuttavia, di anno in anno, Acea cerca di ampliare il perimetro di rendicontazione, rendendolo sempre più rispondente alla dimensione del Gruppo.

“Gruppo Acea”, “Acea”: ci si riferisce a tutte le società che rientrano nell’area di consolidamento, inclusa Acea SpA. “Acea SpA”, “capogruppo” e “holding”: sono termini utilizzati in modo equivalente.
Le principali società che rientrano nel perimetro del report, oltre ad Acea SpA, sono: Acea Distribuzione, Acea Reti e Servizi Energetici, le 4 società nate dalla joint venture siglata nel 2002 con la belga Electrabel, che oggi sono AceaElectrabel, AceaElectrabel Produzione, AceaElectrabel Trading, AceaElectrabel Elettricità, Acea Ato 2, Acea Ato 5, LaboratoRI, Acea8cento.
Le società del Gruppo A.R.I.A. (ex TAD Energia e Ambiente), Tirreno Power e le società idriche Acque, Gori, Acquedotto del Fiora, Publiacqua, Umbra Acque - ove incluse nel perimetro di riferimento vengono esplicitamente indicate nel testo.

Sistema di reperimento e affidabilità dei dati

I dati e le informazioni pubblicati nel Bilancio di Sostenibilità vengono forniti dalle Funzioni responsabili e sono, ove possibile, coerenti con fonti ufficiali (quali le Relazioni alla gestione delle singole società, la Relazione sul governo societario, il Bilancio Consolidato annuale, i report inviati alle Autorità di settore); essi vengono in seguito integrati e precisati, attraverso momenti di approfondimento e confronto tra il gruppo di lavoro interno, che redige il Bilancio di Sostenibilità, e le Funzioni direttamente interessate, sino alla definitiva convalida.

6 Il Bilancio Consolidato 2009 è disponibile nel sito www.acea.it (area Azionisti).
7 In diversi casi, il perimetro di rendicontazione delle sezioni Le relazioni socio-economiche con gli stakeholder e Le relazioni con l’ambiente, non coinciderà con l’area di consolidamento pur riferendosi alle maggiori società del Gruppo, poiché non tutti i dati (ad esempio quelli relativi agli stakeholder Personale o Fornitori) vengono aggregati e gestiti a livello centralizzato. Tali variazioni di perimetro sono sempre indicate nel testo.

Ove necessario, i dati vengono rielaborati o riclassificati secondo le linee guida adottate.
Il documento, prima della pubblicazione, viene affidato per una verifica esterna ad una società di revisione indipendente, con la quale Acea non ha cointeressi né altri legami. La società di revisione viene incaricata di esaminare contenuti e modalità di redazione del report e di rilasciare un giudizio complessivo circa la sua chiarezza, completezza e trasparenza. In particolare, nel 2009, tale verifica è stata svolta sulle parti fondamentali del report di sostenibilità: L’identità aziendale, Le relazioni socio-economiche con gli stakeholder, Le relazioni con l’ambiente e il Bilancio ambientale che illustrano gli indicatori previsti dalle Linee guida GRI-G3 e dal Supplemento di Settore (vedi Relazione della Società di Revisione).
Infine, il Bilancio di Sostenibilità 2009 è stato sottoposto all’approvazione del Consiglio di Amministrazione di Acea SpA.

Sistemi di misurazione

I dati di carattere quantitativo, sociali e ambientali, sono stati prodotti:

  • ove possibile, tramite la misurazione diretta delle grandezze correlate ai fenomeni oggetto di relazione;
  • negli altri casi, tramite il calcolo o la stima dei valori delle grandezze sulla base delle migliori informazioni disponibili.

Ciascun dato ambientale è commentato nella nota integrativa al Bilancio ambientale, dove si specifica se esso sia frutto di calcolo, misura o stima.

Box – Altre fonti informative sulle performance del Gruppo: il sito web

Nel sito www.acea.it – totalmente rinnovato nel corso del 2009 – si può accedere a numerose informazioni:
  • nella sezione “Regole e Valori” si rinvengono informazioni sulla corporate governance e i testi dei principali codici valoriali adottati dal Gruppo;
  • nella sezione “Azionisti” sono pubblicati tutti i documenti economico-finanziari e le altre informazioni di interesse, in constante aggiornamento; inoltre, nella pagina web “Highlight” è possibile visionare, in modo interattivo, i grafici relativi ai principali dati economico finanziari degli anni più recenti, compararli tra loro e con quelli dei maggiori competitors nazionali;
  • nella sezione “Sostenibilità” sono disponibili il testo integrale, in pdf, del Bilancio di Sostenibilità 2009 e delle precedenti edizioni dei report socio-ambientali;
  • nella sezione “Qualità e Sicurezza” sono disponibili informazioni sui due temi;
  • vi è una sezione dedicata ai “Fornitori” e, per i Clienti, link ai siti web delle società che gestiscono i servizi elettrico e idrico;
  • nella sezione “Comunicazione” c’è uno spazio dedicato alla stampa e alle notizie in “primo piano”, oltre ad informazioni sulle Campagne pubblicitarie realizzate e sui principali eventi organizzat con il contributo di Acea.

Per ulteriori informazioni è possibile rivolgersi al seguente indirizzo di posta elettronica: rapporti.istituzionali@aceaspa.it

Giuseppe Sgaramella; Ranieri Mamalchi